La pandémie et le « techno-fix », deuxième partie - Archive ouverte HAL Accéder directement au contenu
Article De Blog Scientifique Année : 2021

La pandémie et le « techno-fix », deuxième partie

La pandemia ed il «techno-fix», seconda parte 1

Résumé

Texte en français en accès libre : https://blogs.mediapart.fr/les-amis-de-la-generation-thunberg/blog/161221/giuseppe-longo-la-pandemie-et-le-techno-fix-deuxieme-partie
In una precedente nota (qui), ho sottolineato la necessità di una riflessione sulle cause possibili di questa pandemia, che vanno cercate, pensando anche al futuro, in una preoccupante crescita delle epidemie a partire dagli anni '70 (si tratta di "zoonosi" al 70%, indotte da deforestazioni e dal calo della biodiversità, v. (Morand, Figuié, 2016) li' citato), nonché fra le possibili fughe accidentali di laboratorio. Anche questa seconda osservazione era basata sull'esperienza storica: la moratoria del 2014 negli USA di alcuni tipi di manipolazioni genetiche su microorganismi, a seguito di numerose conseguenze incontrollate, alcune gravissime, moratoria sospesa nel 2017 (v. riferimenti nella prima nota). Queste conoscenze possono comunque guidarci nell'azione, anche prima di capire l'origine di questa specifica pandemia, estensione al mondo di una epidemia fra le tante. Aggiungevo poi il rilievo della catastrofe sanitaria, anche quella annunciata. Vaccini ed immunità Ricordiamoci, in primis, che siamo sotto un regime di approvazione provvisoria dei vaccini, sia per la FDA che l'EMA. Questo è dovuto alla diversità dei virus, una diversità evolutiva, e, quindi, dei vaccini, ognuno da analizzare per le sue caratteristiche. Si prenda il caso di due straordinari successi, i vaccini contro il vaiolo e la poliomielite. Il primo rende il vaccinato immune: non è portatore del virus. La relativa stabilità evolutiva del virus ha permesso così di sradicarlo dalla specie umana (dichiarazione OMS, 1986). Il vaccinato contro la polio, invece, può esser infetto: la malattia è contenuta dalla immunità naturale o vaccinale in più o meno lievi sindromi intestinali, comunque un grande successo. Si pensi però a dei genitori degli anni '60 che, non potendo vaccinare il loro bimbo per un qualche motivo medico, avessero detto: noi le babysitter le prendiamo solo vaccinate e con pass-sanitario. Ne arriva una vaccinata, con un po' di mal di pancia, va spesso in bagno, una volta si lava male le mani… ed il bimbo si ammala di polio. Venendo al Covid, due recenti articoli di The Lancet, del 29/10/21 (qui) e del 19/11/21 (qui), mostrano che le persone vaccinate possono infettarsi, avere una carica virale simile a quella dei non vaccinati, trasmettere efficacemente l'infezione anche a contatti vaccinati. Secondo i dati raccolti in settembre (qui) gli aumenti delle infezioni da COVID-19 non sono correlati ai livelli di vaccinazione in 68 paesi nel mondo e 2947 su 3200 contee negli Stati Uniti; il calo dei casi gravi e mortali, almeno nella fase iniziale della vaccinazione, riservata ad anziani e fragili, è invece confermato. Caratteristiche specifiche, locali e storiche, delle interazioni ospite-virus all'inizio dell'infezione possono modellare l'intera evoluzione virale, in un individuo ed in una collettività, ma questa de-correlazione fra vaccinati ed infetti (l'infezione corre anche fra i vaccinati) è molto uniforme, sempre distinguendo fra "infetti", da una parte, e "malati gravi e decessi", dall'altra: quest'ultimi diminuiscono con il tempo e con la vaccinazione. Che dire allora della famosa "immunità di gruppo" (herd immunity), tanto attesa da molti leader, relativamente a questa malattia? e per la polio od il vaiolo? Immuni da cosa, dall'infezione o dalla malattia grave? Bisogna allora vaccinare anche chi non è vittima di forme gravi della malattia "per proteggere gli altri"? Tutti casi diversi. Domande che farei agli studenti: pensateci, direi loro, ma
Fichier principal
Vignette du fichier
2023_01_12_PandemTecno2-rif.pdf (105.77 Ko) Télécharger le fichier
Origine : Fichiers produits par l'(les) auteur(s)

Dates et versions

hal-03936094 , version 1 (12-01-2023)

Identifiants

  • HAL Id : hal-03936094 , version 1

Citer

Giuseppe Longo. La pandémie et le « techno-fix », deuxième partie. 2021. ⟨hal-03936094⟩
4 Consultations
0 Téléchargements

Partager

Gmail Facebook Twitter LinkedIn More